L'ECO del Serrasanta

Quindicinale culturale e sociale di Gualdo Tadino, Costacciaro, Fossato di Vico, Nocera Umbra, Scheggia, Sigillo, Valfabbrica - Provincia di Perugia - Italia

N. 7 - 4 aprile 2004

Pro TadinoPrima paginaEdizioniSommario

Cerca nel sito

La popolazione di Boschetto di nuovo sul piede di guerra

No a perforazioni e nuova captazione di acque

L'amministrazione comunale di Nocera Umbra si schiera con il comitato difesa Rio Fergia. Denuncia del comune di Gualdo contro ignoti per procurato allarme.

Non appena conosciuta la notizia che la Rocchetta spa ha chiesto l'autorizzazione per ricercare acqua per una nuova linea di imbottigliamento nel bacino di Boschetto, in redazione ci siamo chiesti: che ne penserà la popolazione di Boschetto che dieci anni fa occupò l'area della sorgente per impedire una eccessiva captazione di acqua alla sorgente del Rio Fergia destinata ad un acquedotto della Valle Umbra Sud? La risposta non si è fatta attendere. Il 13 marzo il Comitato per la difesa del Rio Fergia di Boschetto ha inviato un telegramma alla presidente della Regione dell'Umbria Lorenzetti, ai sindaci Petruzzi e Pinacoli ed al prefetto di Perugia per sottolineare l'"unanime ed il fermissimo dissenso della popolazione" alla richiesta della società Rocchetta auspicando senso di responsabilità delle autorità amministrative per scongiurare una forte e democratica mobilitazione dei cittadini ed eventuali azioni legali per non aver rispettato gli accordi a suo tempo stabiliti che escludevano qualsiasi possibilità di nuovi prelievi di acqua. Dalla parte dei cittadini si è schierato anche il sindaco di Nocera Umbra Antonio Petruzzi: "Qualsiasi ipotesi di trivellazione o prelievo nell'ambito del bacino che dà origine alla sorgente del Rio Fergia incontrerà una forte opposizione da parte dell'Amministrazione comunale nocerina".

Nella vicenda si è originato, nel frattempo, un risvolto giudiziario. Nella mattinata di sabato 20 marzo dalla sorgente del Rio Fergia qualcuno ha visto affiorare una sostanza inquinante e si è sparso l'allarme: sono iniziate le trivellazioni. Notizia falsa. La Rocchetta spa, infatti, ha smentito categoricamente: "Non è stata effettuata alcuna trivellazione". Il comune di Gualdo ha presentato denuncia contro ignoti ai Carabinieri di Gualdo Tadino. C'è il sospetto che qualcuno abbia volutamente seminato tracce inquinanti per allarmare la popolazione.

VITA GUALDESE

Pro TadinoPrima paginaEdizioniSommario

Cerca nel sito