L'ECO del Serrasanta

Quindicinale culturale e sociale di Gualdo Tadino, Costacciaro, Fossato di Vico, Nocera Umbra, Scheggia, Sigillo, Valfabbrica - Provincia di Perugia - Italia

N. 19 - 5 ottobre 2003

GUALDESITA'

Pro TadinoPrima paginaEdizioniSommarioCerca nel sito

Torna il Concorso della Ceramica

05conceram.jpg (22544 byte)Dopo vari anni di interruzione, dovuta cause contingenti ed ancora non del tutto rimosse, torna il Concorso Internazionale della Ceramica. Dopo la diramazione del bando avvenuta alla fine di luglio sono oltre 60 gli artisti che hanno chiesto di partecipare al concorso internazionale della ceramica. La notizia, è di fonte ufficiale, l'ha fornita il presidente della Pro Tadino, Gianni Smacchi, che ha fortemente voluto assieme al consiglio direttivo, rassicurato da sostegni economici del Comune, la ripresa della prestigiosa manifestazione culturale gualdese, una delle più importanti a livello mondiale, ed unica per la caratteristica dell'assegnazione del tema specifico da parte degli organizzatori.

E' una sorta di scommessa vinta, almeno per adesso. Infatti, dopo la pluriennale interruzione dovuta prioritariamente alla mancanza di finanziamenti certi, ci sono stati molti dubbi e perplessità nel rilanciare questa manifestazione culturale, che aveva visto passare per la sale espositive gualdesi opere di maestri riconosciuti dell'arte della ceramica della seconda metà del 1900: Sassu, Francioni, Makinen, Cipolla, Zauli, Lega, Kvetensky, Siviglia, Strada, Gaeta sono solo alcuni dei tanti concorrenti che sono stati premiati e le cui opere sono rimaste patrimonio della Pro Tadino, cioè della città; tanto che ora le stesse verranno presto trasportate nella sede del Centro della Ceramica per realizzarvi un museo permanente della ceramica moderna.

Una scelta coraggiosa; che è stata ripagata dalle adesioni, nonostante i tempi ristretti: si temeva che la lunga interruzione avrebbe potuto cancellare definitivamente l'appuntamento gualdese. Invece la risposta positiva c'è stata, anche se non ha raggiunto i record degli anni migliori, quando arrivavano a Gualdo Tadino centinaia di artisti provenienti da tutti i continenti, con punte di una ventina di nazioni rappresentate nella rassegna.

Il tema di questa edizione della manifestazione è "Nuove spazialità per l'arredo urbano", con una sezione artistica ed una per la qualificazione produttiva (con premi complessivi superiori ai 15 mila euro). Ora la Pro Tadino, mentre attende l'arrivo delle opere, sta operando per allestire la sala per la mostra, che dovrebbe restare aperta nei mesi di dicembre e di gennaio.

Alberto Cecconi

 

Pro TadinoPrima paginaEdizioniSommarioCerca nel sito