L'ECO del Serrasanta

 

N. 23 - 1 dicembre 2002

Pro Tadino Prima pagina Edizioni Sommario

Ambiente

LE TERRE DEL VERDE

Il ristorante albergo Badia sarà pronto per Pasqua

di Riccardo Serroni


05compbadia.jpg (42053 byte)L’ambiente è stupendo: un’antica struttura (Badia di Val di Rasina) in pietra che risale al XV secolo immersa nel verde e allietata dal dolce mormorio del fiume Arrone. Il traguardo della fase terminale della ristrutturazione è vicino:

Il complesso di Badia

"Abbiamo avuto qualche problema da risolvere, non ultime alcune questioni con la Sovrintendenza, e quindi siamo un po' in ritardo, ma contiamo di partire nel periodo pasquale del prossimo anno, entro il 31/03/2003". Vincenzo Carnevali, a due anni dalla presentazione del progetto di ristrutturazione del complesso denominato "Le terre del verde" e di proprietà della Frecco spa (una società per azioni) può finalmente annunciare una data precisa; e si tratta di una data importante per tutto il territorio che si arricchirà di un complesso ricettivo di prim'ordine, volano di una potenzialità notevole per un rilancio turistico della nostra zona. Un'azienda che si caratterizzerà anche per un significativo impatto occupazionale. Già oggi vi lavorano dieci dipendenti. Quando tutti i servizi previsti saranno stati attivati, si prevede che vi potranno trovare lavoro circa 60 dipendenti.

05chiespietro.jpg (39098 byte)La ristrutturazione del complesso, comprende, oltre a Borgo Badia, l’agriturismo Le Piagge, il Castello di Frecco, il Borgo Le Case ed il Centro Trasformazioni Belvedere, prevede tre diverse fasi.

La chiesetta di San Pietro

La prima fase comprende il completamento del Villaggio Albergo Badia e del castello di Frecco. Duplice l’attività, quella ricettiva e quella agricola.

Attualmente l’azienda è operativa nell’agricoltura, zootecnia (bovini, ovini, caprini, suini, animali di bassa corte), ortocultura e silvicultura: "La nostra è una agricoltura biologica ed una produzione di qualità - sottolinea Vincenzo Carnevali - Siamo, ad esempio, certificati come allevatori di suini di cinta senese (da noi meglio conosciuto come maiale cinturello)". Tutti questi prodotti aziendali avranno un centro di lavorazione nel complesso Belvedere (caseificio, lavorazione carni, ecc) ed un centro vendita aziendale. Naturalmente i primi consumatori saranno i clienti dell’albergo e del ristorante. L’obiettivo, infatti, è quello di creare una struttura circolare all’interno dell’azienda che comprenda produttore, trasformatore e consumatore.

Molteplici saranno le offerte a livello ricettivo.

A Pasqua aprirà i battenti una parte del villaggio albergo Badia (4 stelle) con il ristorante e 70 posti letto che saliranno a 112 in agosto con il completamento della Torre. Quando saranno state ultimate tutte le fasi di ristrutturazione dei vari complessi, saranno disponibili 117 camere con 220 posti letto: "Puntiamo ad un ristorante di altissima qualità - spiega Carnevali - la cui materia base sarà quella proveniente dalla nostra produzione. Avrà una capienza di 400 posti nella struttura in muratura che stiamo recuperando, ma sarà estendibile a 600 posti con una tensostruttura". Gualdo Tadino avrà, quindi, dal prossimo anno un’ importante offerta per quel mercato fiorentissimo dei matrimoni che oggi è quasi perduto completamente a favore di strutture esistenti nell’eugubino e nel fabrianese. L’offerta del villaggio albergo sarà completata con un centro sportivo con campi da tennis, un campo pratica golf, un maneggio ...

Ad agosto sarà pronto anche il castello di Frecco in cui sorgerà un centro salute agroalimentare che avrà come obiettivo la cura del corpo attraverso l’alimentazione ed una full immersion nella natura.

In una seconda ed una terza fase verranno completati l’agriturismo Le Piagge ed il Borgo Le Case dove è previsto un country house.

Si tratta, come si vede, di una macchina complessa, messa in moto da un investimento di circa 18 miliardi di vecchie lire, che ha nel motore potenzialità enormi con una ricaduta positiva su tutto il territorio sia a livello di immagine che occupazionale.

 

Pro Tadino Prima pagina Edizioni Sommario