L'ECO del Serrasanta

 

N. 20 - 21 ottobre 2001

Pro Tadino Prima pagina Edizioni Sommario

Gualdesità

 

L'albero morto


A suo tempo era un platano, uno dei platani annosi, messi a dimora ai margini di viale Don Bosco, nell'area antistante la ex GIL, poi sede del Liceo Scientifico, dal lato della collina dei Salesiani. Quando lo misero a dimora, fra la strada e il declivio della collina c'era solo un greppo ed i platani abbellivano e non davano fastidio, poi arrivarono delle costruzioni (hanno ospitato anche l'Istituto Professionale per il Commercio ed attualmente la sede della Protezione civile), ed a piano terra arrivarono locali adibiti a pubblici esercizi.

Intanto i platani erano cresciuti, i fusti avevano accresciuto la loro circonferenza e, d'estate, con le loro chiome frondute spandevano ombra e refrigerio ..., ma ahimé, se le chiome potevano essere utili, quei fusti sempre più ingombranti davanti alle vetrine dei negozi… questione di opinioni o di opportunità, non sta a noi giudicare. E qualcuno di quei fusti scomparve. Poi, cosa sia successo non è dato saperlo, fatto sta tuttavia che, da qualche anno, un altro dei platani ... è morto in piedi e sta lì, quale biglietto da visita all'ingresso di una città che non sempre si dimostra attenta al decoro del suo arredo urbano, sta a denunziare che qualcuno forse ha commesso un misfatto e che qualcun altro magari potrebbe provvedere a rimuovere quel tronco mutilo e rinsecchito, proteso verso il cielo quasi a implorare vendetta. Fino a quando?

Dal liceo antistante sono ormai uscite varie generazioni di studenti che conservano questa non bella immagine ammirata dalle finestre della loro scuola: vogliamo invitare l'amministrazione comunale a far sì che anche quelli che lasceranno l'istituto quest'anno non debbano conservare questa immagine non proprio esaltante.

 

Pro Tadino Prima pagina Edizioni Sommario