L'ECO Sport

 

N. 13 - 8 luglio 2001

  Pagina iniziale Edizioni Sommario

Sport

BASKET C1

Guerrieri: "Ai vertici in un biennio"

di Riccardo Serroni


Torna a Gualdo per la quarta volta e lo fa con l'entusiasmo di un ragazzino perché Gualdo Tadino è ormai la sua seconda patria.

A Giuliano Guerrieri sono legate, infatti, le pagine più belle della storia del basket gualdese.

Il 28 marzo 1981 condusse la formazione biancorossa alla conquista della C (Gualdo Basket- P. S. Elpidio 80-65). Facevano parte di quella formazione Franco Chiavatti, Gian Luca Pennoni, Danilo Zampini, Giuseppe Cioli, Fabrizio Guerra, Roberto Sabbatini, Andrea Biagiotti, Pier Domenico Matarazzi, Fabrizio Abbati. Rimase a Gualdo per quattro anni.

Divorzio, separazione per quattro anni, e poi seconda avventura, per altri quattro anni, con un traguardo straordinario: la promozione in B2 il 20 maggio del 1989 (Gualdo Basket- Teramo 109-87) con un gruppo di giocatori che facevano esplodere il palazzetto per l'entusiasmo che suscitavano: Traferri, Roberto Carsetti, Andrea Pierotti, Maurizio Venturi, P. Giorgio Castelli, Ernesto Ciatardoni, Franco Chiavatti, Roberto Fruttini, Marcello Mattiacci, Roberto Frillici, Gianni Paoletti, G. Paolo Franchi, G. Luca Gubbiotti.

Il terzo, fugace, ritorno sulla scena gualdese l'ha visto protagonista in un finale palpitante di stagione con la squadra che rischiava la retrocessione. Venne chiamato a sostituire Giordani e fu salvezza senza grossi patemi d'animo perché riuscì a dare tranquillità a tutto l'ambiente.

Ed ora eccolo ancora qui, per puntare decisamente ad altri traguardi importanti:

"Evidentemente a Gualdo non si sono ancora stufati di me - dice con la sua solita ironia - Non è stato facile accettare la proposta del presidente Paolo Paciotti perché mi dispiaceva molto lasciare la squadra di Fabriano con la quale ho conquistato la promozione in C2. Di fronte alla proposta del Gualdo ed al programma ambizioso che mi è stato tracciato non potevo rifiutare".

Questo significa che punterete decisamente in alto?

"Una vittoria immediata non è programmabile, quest'anno non possiamo ancora pretendere di essere competitivi al massimo, ma nell'arco di un biennio puntiamo decisamente a risultati superiori".

Che cosa manca al Gualdo?

"Intanto bisognerà sostituire Giachetti. Poi occorrerà un uomo importante sotto canestro".

Come giudica la regola dell'introduzione obbligatoria dei ragazzi nella rosa dei 10?

"Mi sembra una fesseria, non serve a niente. Finirà che i ragazzi verranno inseriti obbligatoriamente ma faranno da spettatori in panchina. Secondo me se un ragazzo vale gioca perché lo merita ed una società ha tutto l'interesse a valorizzarlo. Se non vale è inutile tenerlo a scaldare la panchina per legge. A Gualdo avete l'esempio di Tamagnini. E' un ragazzo che vale e quindi viene utilizzato anche senza l'obbligatorietà".

Il presidente Paolo Paciotti ed il ds Franco Chiavatti sono al lavoro per soddisfare le esigenze di Guerrieri. Questo, però, non sembra il momento ideale per operare acquisti. Prima devono sistemarsi le squadre di A e B. Dopo inevitabilmente i prezzi caleranno e ci saranno piu opportunità di pescare ciò che serve.

Il Gualdo inizierà la preparazione dopo ferragosto.

 

  Pagina iniziale Edizioni Sommario