L'ECO del Serrasanta

 

N.10 - 28 maggio 2000

  Pagina iniziale Edizioni Sommario

Attualità


Articoli correlati:

Mercati ceramica: conferme dall'America

di Mauro Monsignori

 

Il futuro presenteusa.gif (2053 byte)

Internet e la ceramica gualdese

un servizio di Mauro Monsignori dagli USA


Uno dei grandi cambiamenti che la società americana sta attreversando in questo periodo è l'avvento dell' e-commerce. Parola strana che significa electronic commerce cioè scambi commerciali attraverso i computer. Uno dei più popolari esempi è che la nonna di mia moglie (95 anni) accende il suo computer, sceglie i prodotti alimentari che le servono per la settimana, li ordina con la carta di credito e li riceve in giornata. Garantiti che se c'è qualcosa che non va, il negozio li riprenderà e lei verrà rimborsata di tutto.

Questa non è assolutamente fantascienza, ma accade realmente oggi giorno. Ma e-commerce non è solo questo. La piu' grandi catene di distrubuzione scambiano le loro informazioni (fatture, ordini, pagamenti) con i propri fornitori completamente attraverso la rete accedendo direttamente ai loro inventari . Questo semplifica di molto i costi. Il fornitore deve solo preoccuparsi di spedire la merce, magari dal suo laboratorio in Cina. Tutti i settori commerciali e finanziari si stanno letteralmente buttando in questo settore con investimenti enormi.

Naturalmente ci sono dei fattori che favoriscono questo processo qui negli Stati Uniti. Il primo, e non indifferente, è che qui non si pagano le telefonate urbane. Quindi quando sei collegato ad internet, non hai l'angoscia della bolletta telefonica. Un secondo fattore è la fiducia nelle poste e nei corrieri. Un terzo è la grande diffusione delle carte di credito. Un quarto, anche esso molto importante, è il vantaggio di poter restituire l'oggetto acquistato, anche senza nessuna spiegazione e riavere indietro il proprio denaro. Un altro, non meno importante, è la fiducia che gli americani danno alla computerizzazione. L'ultimo, che mi viene in mente, è la mancanza di leggi burocratiche che limitino gli scambi commerciali. La carta gira pochissimo e la maggior parte delle attività commerciali favorisce l'uso di internet con sconti ed offerte speciali.

La ceramica non può star fuori da questo fenomeno se vuole dividere questa parte di torta che stando agli studi fatti produrrà fatturati per miliardi di dollari nei prossimi anni. Non vi passi neppure in mente che possa essere solo una moda. Questo non significa che il normale 'shopping' non ci sarà più naturalmente, ma avrà sicuramente toni ed aspetti diversi nei prossimi anni.

Come può il settore ceramico entrare decisamente in questo fenomeno. Per prima cosa organizzandosi. Ogni tentativo di usare questo mercato fallirà senza una grande organizzazione commerciale. Nessuna piccola attività può permettersi questo. Prendete esempio dalle catene di franchising o simili (qui sono in tutti i settori, dai fast-food alle parrucchiere, dai fotografi ai consulenti fiscali). Ognuno ha la propria attività, ma le grandi strategie (marketing , pubblicità etc.) vengono studiate e promosse dalla catena.

Un altro fattore è la scelta del prodotto che si vuole proporre. Navigando tra i vari siti di ceramica, presenti la sensazione che si prova è la grande quantità di foto senza normalmente un cenno che caratteririzzi il prodotto. La gran quantità di foto rallenta notevolmente (spesso ci si deve fermare ed uscire dal sito) e la mancanza di caratterizzazione rende molto noiosa la scelta. La mia impressione è che meno articoli ma con una piccola spiegazione (magari un po' romanzata) renderebbe il prodotto molto più attraente. Il prezzo (nota dolente) è un altro fattore da considerare. Vendere attraverso internet è decisamente più vantaggioso per una azienda. Quanti costi in meno (distribuzione, provvigioni etc)! Perché questo non si vede nei prezzi in internet? Alcuni dicono: Non posso vendere online ad un prezzo inferiore al prezzo che un normale negozio vende i miei prodotti. I miei normali clienti non comprerebbero più i miei prodotti se faccio loro concorrenza direttamente attraverso la rete. Giusto o no, questo è un problema che va aggirato se si vuole avere un mercato online, perché al normale prezzo di negozio bisogna aggiungere le spese di spedizione. Una soluzione molto usata qui, è il vendere on line linee di prodotti diversi da quelli venduti ai normali clienti o coinvolgere i normali clienti nelle vendite online.

Una cosa che salta all'occhio spesso quando vuoi ordinare qualcosa nei siti di ceramica e: OK, vi piace questo, mi piace quest'altro .... faccio la mia lista di oggetti che vorrei, e poi? ... e poi niente. A meno che non fai un viaggio in quella citta' e vai in quel negozio (se lo trovi aperto), i prodotti te li puoi sognare durante la notte. Spesso non esiste neanche un indirizzo di email con cui comunicare. Mi domando a che serve tutto questo. Certamente questo è un fattore che scoraggia molti o che li fa credere che sia solo una moda. Se scelgo un articolo e lo voglio acquistare ne devo avere la possibilità subito ... prima che ci ripensi o che trovi un altro articolo (magari un quadro) che mi piace altrettanto, ma che possa acquistare più facilmente. Se non ci si crede completamente non si potrà mai riceverne i benefici.

Per finire una tiratina d'orecchie alle versioni in inglese; molti dei siti hanno traduzioni molto scadenti e con un sacco di errori (anche prestigiose ditte gualdesi), correggeteli. Leggendoli dall'Italia non fa effetto, ma leggendoli da qui dànno l'impressione di disorganizzazione ed incuria.

Gualdo Tadino ha la possibilità di entrare prepotentemente in questo mercato, avendo nei ragazzi provenienti dalla Rocca (Fleanet, Tms e centro multimediale) le persone adatte per sviluppare la parte informatica di questo fenomeno. Unite a loro degli esperti di marketing ed po' di decisione ed aggressivita' commerciale e Gualdo Tadino potrà essere all'avanguardia nella ceramica online. Lasciarsi sfuggire questa occasione sarebbe molto grave. La ceramica è sempre nel mio cuore!

 

  Pagina iniziale Edizioni Sommario