Gualdo Tadino

Gli itinerari

Nostra nuova iniziativa editoriale

di Mauro Mancini

In questi giorni, la Pro Tadino nel quadro delle iniziative editoriali de L'Eco del Serrasanta ha in corso di stampa, un volumetto dal titolo: "Itinerari Gualdesi", grazie ad un contributo della Cassa di Risparmio di Perugia. E' una pubblicazione sollecitata dalle richieste dei visitatori e dei turisti che in questi anni sono state raccolte dalla Pro Tadino.

Non è la classica guida turistica, ma un nuovo strumento di lettura del territorio più particolare che propone una serie di itinerari alla scoperta delle frazioni e della montagna.

Si articola in 14 itinerari: cinque conducono alla scoperta delle frazioni e nove guidano sui sentieri di montagna. Per ogni itinerario viene descritto, verbalmente e con una mappa, il percorso da seguire. In ognuno poi si aprono delle finestre nelle quali vengono presentate le cose interessanti che si incontrano lungo la strada sotto l’aspetto storico, naturalistico, artistico, sono incluse rappresentazioni fotografiche significative; sono segnalati inoltre gli eventuali punti di sosta attrezzata o di ristoro esistenti, le caratteristiche del percorso, i tempi di percorrenza.

L’opera viene completata da una carta generale nella quale vengono raccolti tutti gli itinerari.

I testi sono stati elaborati da Valerio Anderlini, Mauro Mancini, Riccardo Serroni, Mauro Tavone, mentre le mappe sono state disegnate da Mauro Tavone. Hanno dato infine la loro collaborazione Michele Tittarelli, Orlando Rinaldini, Pietro Graziosi, Franco Chiucchi, Bruno Filippetti, Christian Severini, Giovanni Castellani, Pacifico Salvatori.

La pubblicazione è stata volutamente impostata come lavoro collettivo in modo che questo strumento di consultazione fosse, come è nella filosofia dell’Eco, il risultato del lavoro della città e non di un singolo individuo. Preferiamo infatti definire l’Eco più che un giornale un tatzebao, vale a dire un grande foglio bianco, posto sulla piazza al servizio di tutti, dove ognuno può lasciare un segno, un messaggio, in modo che, anche così, possa interpretare il suo ruolo di cittadino.

In realtà era stata chiesta la collaborazione anche di altre associazioni che purtroppo hanno lasciato cadere l'invito.

L'Eco - p. 7 - 10 ottobre 1999

Pagina iniziale

Edizioni

Sommario