Vince Monia Casadei

Premio Rocca Flea 2019- I vincitori

Premiazione Premio Rocca Flea 2019foto di Riccardo Serroni

Vince Monia Casadei (di Cesena). Tra i giovani Greta Carrare di Lucca

E’ stata, la XIIa,  una delle edizioni più partecipate della storia del concorso letterario “Premio Rocca Flea” organizzato in collaborazione tra l’Accademia dei Romiti e la Pro Tadino, dalla sua prima edizione (nel 2001). Si contano, infatti, quasi 80 concorrenti con quasi 140 racconti fra la categoria adulti e quella giovani.  Sono rappresentate tutte le regioni italiane. Un vero record: oltre il doppio dei racconti dello scorso anno. Il perché di tale successo che, speriamo, in futuro possa essere ulteriormente incrementato va spiegato con diverse ipotesi.

Anzitutto la voglia di scrivere. In un’epoca in cui i messaggini la fanno da padrone, torna la voglia di cimentarsi in testi più elaborati e complessi, anche se solo di narrativa.

Poi, probabilmente, il fatto che il nostro concorso “Premio Rocca Flea”, con il passare degli anni, ha acquisito una fama ed un rinomanza sempre più radicata nel popolo degli scrittori dilettanti.

Infine la pubblicazione di tutti i racconti finalisti induce anche i più riottosi a tentate e mettersi in gioco perché, male che vada, ci sono discrete possibilità che la loro creazione letteraria venga codificata in un libro; obiettivo massimo, più che i premi, per chi si mette di fronte ad un foglio vuoto per raccontare una storia.

I vincitori

1°- “Ciò di cui un uomo aveva bisogno” di Monia Casadei (Cesena)

2°- “Jacob’s slop-shop” di Piero Malagoli (Modena)

3°- “Tra ragione e pazzia” di Claudio Ferrata (Santa Maria degli Angeli).

Sezione giovani under 25

Premio della giuria

“Le mura della città” di Greta Carrara (Lucca).

Opere segnalate

“Caffè” di Morena Famà (Monreale-PA)

La roccia di Ila Imperatore (Aversa-CE)

I premi

1° premio: 500 euro, opera in ceramica, soggiorno a Gualdo Tadino, attestato e pubblicazione del racconto

2° premio: opera in ceramica, soggiorno a Gualdo Tadino, attestato e pubblicazione del racconto

3° premio: opera in ceramica, soggiorno a Gualdo Tadino, attestato e pubblicazione del racconto

Premio assoluto per la sezione under 25: opera in ceramica, soggiorno a Gualdo Tadino, attestato e pubblicazione del racconto

I curatori del Concorso

Luciano Meccoli (Responsabile dell’organizzazione);

Barbara Amadori (Curatrice del concorso)

Barbara Amadori e Rolando Pinacoli (addetti segreteria)

Commissione giudicatrice

Prof. Antonio Pieretti (Presidente)

Dott. Giacomo Marinelli Andreoli

Dr.ssa Martina Coletti

Dr.ssa Marta Cassieri

Laureanda  Melania El Khayat

I promotori

Il Concorso Letterario “Premio Rocca Flea” è stato promosso dall’Accademia dei Romiti e dall’Associazione Turistica Pro Tadino. Ha avuto il patrocinio dell’Amministrazione Comunale ed un sostegno finanziario da parte della sezione Rotary Club di Gualdo Tadino

In edicola

  “Il senso del limite”, la raccolta dei racconti vincitori e finalisti (in tutto 15 racconti) è stata pubblicata nel volume “Il senso del limite” curata graficamente da Pierluigi Gioia (che ha provveduto anche alla revisione dei testi) e con la prefazione del prof. Antonio Pieretti, presidente della Commissione giudicante. La copertina è stata ideata da Maurilio Pecci.

Il volume “Il senso del limite” è disponibile presso le librerie di Gualdo Tadino o presso la sede dell’Accademia dei Romiti/redazione Il Nuovo Serrasanta in viale Don Bosco (nei giorni di martedì, giovedì e sabato dalle 10 alle 12) al costo di 10 euro.

Ne può essere richiesta anche la spedizione.