La presentazione del 38

 

Presentato Ufficialmente il

38° Concorso Internazionale della Ceramica

(Prima Triennale della ceramica d’arte contemporanea)

Anteprima

Da sin. l'artista Bruna esposito, la prof.ssa Carla Subrizi, l'arch. Nello Teodori, il Pres. della Pro Tadino Paola Moriconi, il sindaco Angelo Scassellati, l'ass. Gilberto Garofoli.

Anteprima

l'artista Bruna Esposito, la prof.ssa Carla Subrizi, l'arch.  Nello Teoddori 

Dopo mesi di gestazione, il 38° Concorso Internazionale della ceramica di Gualdo Tadino è decollato. Il percorso è stato complicato e irto di difficoltà anche perché la nuova dirigenza della Pro Tadino ha scelto un percorso nuovo ed inesplorato. Il tutto è iniziato alcuni mesi fa con la presidenza di Alberto Cecconi. La ricerca delle risorse necessarie è stato il primo fondamentale passo. Ottenuto il sì dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia e dal comune di Gualdo Tadino si è passati alla fase progettuale con l’incarico ad una commissione coordinata da Mauro Mancini e costituita anche con i rappresentanti di categoria (Cofartigianato, CNA, Confcommercio). Individuato il percorso la Pro Tadino ha dato mandato ad una commissione tecnica coordinata da Mauro Mancini con la presenza dell’arch. Nello Teodori ed il coinvolgimento della Dr.ssa Carla Subrizi (docente di Storia dell’arte contemporanea dell’Università La Sapienza di Roma) di mettere a punto il progetto stesso concretizzandolo in un percorso operativo che è stato illustrato nel corso della Conferenza stampa del 19 marzo. Paola Moriconi, presidente della Pro Loco, nella sua presentazione introduttiva ha sottolineato come il Concorso, per la Pro Tadino, rappresenti una grande missione. Ed il percorso innovativo prescelto costituisce un sassolino nello stagno della grave crisi economica che stiamo attraversando con la speranza che dia un piccolo contributo positivo”. Il Concorso si articola in tre sezioni:

a)      Sezione artistica- E’ la sezione che lega la nuova rassegna (“Triennale della ceramica d’arte”) al passato. Verranno prescelti tre vincitori le cui opere saranno posizionate lungo il perimetro della nuovissima p.zza Mazzini;

b)      Omaggio all’artista- Un progetto speciale finanziato dalla Tagina Ceramiche d’arte. L’artista di chiara fama Bruna Esposito è stata incaricata di realizzare un’opera d’arte da posizionare in un punto strategico della città. Il sito non è ancora stato prescelto e sia la commissione che l’artista accettano anche suggerimenti in materia.

c)      Qualificazione produttiva- E' la sezione più innovativa e più legata al mondo produttivo della ceramica. Sono stati coinvolti una decina di designer di grande esperienza e notorietà (Walter Vallini, Fabrizio Fabbroni, Luciano Tittarelli, Niklas Jacob, Marino Guerritore, Sergio Calatroni, Antonella Cimatti, Roberto Giacomucci, Raffaele Jannello, Ugo La Pietra). Tutte le aziende di ceramica del territorio erano state invitate a partecipare a questo progetto. Soltanto alcune hanno risposto positivamente e ad ognuna di esse è stato affiancato un designer che realizzerà dei prototipi commercializzabili e riproducibili. In tal modo il Concorso vuole dare un impulso nuovo alla produzione della ceramica anche con idee innovative che, ci si augura, possano essere favorevolmente accolte dai mercati internazionali.

E’ un progetto che richiede investimenti consistenti (i designer verranno ospitati a Gualdo e potranno lavorare all’interno delle aziende cui sono affiancati) e ciò è stato possibile grazie alla disponibilità della Fondazione della Cassa di Risparmio di Perugia, il Comune di Gualdo Tadino, il Ministero dello Sviluppo Economico, l’azienda Tagina, la Banca dell’Etruria e del Lazio, L’Associazione Città della Ceramica, la Regione, la Provincia ed il patrocinio della Camera di Commercio di Perugia. C’è grande attesa per tutto il progetto, ma in particolare per la terza sezione: “Abbiamo voluto creare un collegamento tra designer di grande esperienza e le aziende di ceramica-  ha detto l’arch. Nello Teodori- legando l’esperienza di un artista con le esigenze produttive delle aziende e le esigenze del territorio”. Mentre la Dr.ssa Carla Subrizi, che sarà presidente della Commissione Esaminatrice, ha detto che “l’arte dialogherà con la ceramica per trovare una forma innovativa importante”. Soddisfatti, naturalmente, gli amministratori comunali presenti alla conf. Stampa. L’assessore Gilberto Garofoli ha ripercorso l’iter procedurale che hanno portato al coinvolgimento del Ministero dello Sviluppo Economico mentre il sindaco Angelo Scassellati ha sottolineato come il Concorso si inserisca perfettamente nel grande progetto della riqualificazione del centro storico che vedrà, il 6 dicembre, l’inaugurazione del nuovo complesso di p.zza Mazzini.