L'ECO del Serrasanta

Quindicinale culturale e sociale di Gualdo Tadino, Costacciaro, Fossato di Vico, Nocera Umbra, Scheggia, Sigillo, Valfabbrica - Provincia di Perugia - Italia

N. 7 - 10 aprile 2005

Pro TadinoPrima paginaEdizioniSommario

Cerca nel sito


   LUCA ANASTASI  

La mia passione per la politica


09lanastasi.jpg (3455 byte)Ho sempre pensato che mi sarebbe piaciuto fare qualcosa per Gualdo, partecipare attivamente alla vita politica della città e proporre le mie idee, ma sono convinto che le cose che non vanno non sono risolvibili solo pensandole o esternandole in contesti inadatti, ma vanno cambiate dall’interno e se una persona pensa di poter far bene e che le sue idee sono giuste deve avere il coraggio di mettersi in gioco. lo non sono un ragazzo che giudica a priori e un altro motivo della mia candidatura è stata la voglia di conoscere come stanno le cose, un mio motto è "prima di giudicare bisogna conoscere"; ad esempio a volte le persone incolpano l’Amministrazione per questioni la cui competenza non spetta affatto ad essa non sapendo che ci sono leggi statali, regionali ed altri parametri da rispettare. Devo acquisire ancora esperienza, ma comunque credo che l’importante sia aver voglia di imparare ed essere il più possibile coerenti con se stessi e le proprie convinzioni. Ho la fortuna di appartenere ad un partito composto in larga maggioranza da giovani ed ormai è facile notare come il nostro circolo abbia assunto un’importanza prioritaria sia a livello provinciale che regionale, siamo il terzo circolo dell’Umbria per iscritti, pari a quelli di città con il doppio o il triplo degli abitanti e questo è un motivo di grande orgoglio per tutti noi.

 

Quali altri incarichi hai a livello amministrativo?

 

Sono capogruppo di Rifondazione alla Comunità Montana Alto Chiascio,penso che il più importante obiettivo che ci dobbiamo porre sia lo sviluppo promozionale del territorio. Ad oggi il turista di questa zona è un turista "toccata e fuga" che vi soggiorna in media due giorni e mezzo. Dobbiamo migliorare questa situazione offrendo un pacchetto turistico unitario dei vari Comuni dell’Alto Chiascio, un giorno il turista visiterà GuaIdo (Rocca Flea, Museo dell’Emigrazione, le bellezze paesaggistiche e tant’altro) un altro giorno Gubbio, un altro il Parco del Monte Cucco e così via garantendo un soggiorno di svago e di immersione nella natura.

 

Da poco sono stato nominato presidente della Fondazione in difesa dell’Ospedale Calai, l’unico mezzo a disposizione del Comune per aiutare la sanità locale; un’Associazione nata nel ‘96 con allora presidente Rolando Pinacoli, seguito da Gianluca Graciolini ed ora ereditata da me. Uno dei primi obbiettivi della Fondazione sarà di soddisfare una richiesta presentata tempo fà dall’attuale vice sindaco Lucia Cappelletti che prevede l’acquisto di tre defibrillatori di ultima generazione per intervenire tempestivamente in caso di infarto. Dato che gli ultimi studi in materia cardiovascolare hanno dimostrato quanto il soccorso portato nei primi minuti sia fondamentale per ridurre il tasso di mortalità, si è pensato di distribuire sul territorio questi apparecchi che potranno poi essere usati da volontari istruiti con un apposito corso.

 

Per quanto riguarda il futuro dell’Ospedale Calai ci sono le garanzie fondamentali, come sancisce il protocollo d’intesa per il passaggio di GuaIdo dall’Asl 3 all’Asl 1.

 

Garanzie per il mantenimento dei servizi ospedalieri esistenti, nell'attesa della messa in funzione del nuovo ospedale, garanzie per il potenziamento delle attività ambulatoriali e di riabilitazione cardiologica e per il trasferimento nell’immobile Calai di dieci posti del centro diurno, venti posti R.S.A. e di venti posti per non autosufficienti , sui cinquanta gestiti dall’E.A.S.P., questo anche per far recuperare all’ospizio la sua originale funzione, che secondo me ha acquistato connotati di un ospedale a tutti gli effetti.

 

Hai altri incarichi?

 

Sono anche membro della Commissione Consiliare per le farmacie e i vantaggi conseguibili con la fusione delle tre farmacie possono essere riassunti considerando i principali effetti prodotti cioè la riduzione dei costi di gestione, la riduzione dei costi di acquisto a seguito della concentrazione della domanda, la razionalizzazione degli investimenti fissi, le economie nella gestione del magazzino unificato, ottimizzazione delle risorse umane; i dipendenti attuali poterebbero essere impiegati indifferentemente presso le strutture per garantire una migliore gestione di turni ed orari a vantaggio degli utenti. Si potrebbe verificare anche un aumento dei servizi per il cittadino, consegna a domicilio, assistenza, prevenzione e prenotazione di servizi sanitari.

 

Da non sottovalutare neanche il fatto che sarà indifferente acquistare un farmaco in un punto piuttosto che in un altro.

PERSONAGGI

Pro TadinoPrima paginaEdizioniSommario

Cerca nel sito