L'ECO del Serrasanta

Quindicinale culturale e sociale di Gualdo Tadino, Costacciaro, Fossato di Vico, Nocera Umbra, Scheggia, Sigillo, Valfabbrica - Provincia di Perugia - Italia

N. 1 - 11 gennaio 2004

Pro TadinoPrima paginaEdizioniSommario

Cerca nel sito

La conferenza stampa di fine anno

L'appuntamento era ghiotto: sindaco e giunta municipale si sono presentati agli operatori locali dell'informazione per fare un bilancio di fine anno che, sotto molti punti di vista anticipa un resoconto di fine mandato ed il resoconto del poliennale impegno del sindaco Pinacoli nella funzione di amministratore (24 anni) e di sindaco (14 anni); c'erano poi altri motivi di attualitā quali gli avvisi recapitati dalla magistratura che notoriamente interessano tutto lo scorcio amministrativo che va in archivio.

Ne č risultata una esposizione lunga e dettagliata, da parte del sindaco prima e degli assessori poi, che poco spazio ha lasciato alle domane degli intervistatori.

Il sindaco ha esordito mettendo in evidenza che l'amministrazione si conclude con il 98% delle opere programmate all'attivo, la ricostruzione ormai in fase di ultimazione, un bilancio sano, una pressione fiscale medio-bassa, accennando al periodo di precrisi nel settore della ceramica a fronte della quale sarā ancora forte l'impegno dell'amministrazione comunale anche se si richiedono interventi strutturali che esulano dalla competenza del Comune, ricordando con soddisfazione l'inaugurazione recente del Museo dell'emigrazione e del centro "il Germoglio", l'adozione del Piano Regolatore e l'imminente inizio dei lavori per la nuova caserma della Forestale.

Sul piano strettamente politico ha concluso con parole di apprezzamento per il neo vicesindaco Graciolini, e con la certezza di un recupero del rapporto con La Margherita che, quantunque priva di incarichi amministrativi, continua lealmente a sostenere l'amministrazione.

L'assessore Filippetti ha ricordato le cose realizzate (messa in sicurezza e recupero della Rocchetta - recupero di Santo Marzio - bonifica delle linee elettriche di Valsorda, raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani).

L'assessore Guidubaldi ha messo in evidenza l'imminente riapertura della piscina completamente rifatta, della Rocca Flea entro il mese di febbraio, le infrastutture in corso di realizzazione nelle due zone industriali, la prossima inaugurazione del nuovo scalo merci, la sperimentazione di nuovi servizi navetta per le frazioni.

L'assessore Ridolfi ha illustrato l'impegno profuso dall'Amministrazione nel campo della cultura e dell'Istruzione (laboratori linguistici ed informatici nelle varie scuole), il successo della stagione teatrale, le attivitā museali (prossima mostra su Matteo da Gualdo) e la felice conclusione della vicenda Liceo.

L'assessore Cappelletti ha ricordato i dati relativi alla gestione del personale (108 dipendenti in ruolo + 56 temporanei per la ricostruzione), all'urbanistica (realizzazione dello sportello unico per le imprese), la creazione dell'URP (Ufficio relazioni con il pubblico) e la prossima istituzione di un servizio di defibrillatori nel territorio.

L'assessore Graciolini ha illustrato varie iniziative intraprese dall'assessorato nel settore dei servizi sociali, in collaborazione con EASP e ASAD, e delle iniziative intraprese come comune capofila nell'ambito territoriale n. 7, in collaborazione con i comuni di Fossato di Vico, Sigillo, Costacciaro e Gubbio.

L'assessore Scassellati, infine, ha rivendicato l'impegno dell'amministrazione per la realizzazione della struttura ricettiva di Badia, la realizzazione di 80 appartamenti per opera dell'IERP, l'avvio dei PIR nel centro storico, l'imminente avvio della costruzione del parcheggio di piazza Mazzini e del restauro del Teatro Talia e annotando in negativo la vicenda dell'area Santa Margherita, per la cui soluzione si prospetta di adire alla vie legali.

Rispondendo alle domande infine il sindaco ha confermato di restare in vigilante attesa, prima di decidere il passaggio alla ASL n. 1, soddisfatto dell'efficienza dell'Ospedale Calai dopo l'installazione del nuovo angiografo, l'ammodernamento della pediatria e il recente rilancio anche della chirurgia; quanto alle vicende giudiziarie i vari intervenuti hanno minimizzato la vicenda, esprimendo la convinzione che i rilievi fatti dopo tre anni di indagini a 360 gradi compiute dalla magistratura, non costituiscono motivo di preoccupazione per l'ulteriore corso della vicenda giudiziaria.

ATTUALITA'

Pro TadinoPrima paginaEdizioniSommario

Cerca nel sito