L'ECO del Serrasanta

Quindicinale culturale e sociale di Gualdo Tadino, Costacciaro, Fossato di Vico, Nocera Umbra, Scheggia, Sigillo, Valfabbrica - Provincia di Perugia - Italia

N. 1 - 11 gennaio 2004

Pro TadinoPrima paginaEdizioniSommario

Cerca nel sito

Terremoto sul terremoto?

A una svolta le indagini della Magistratura

A conclusione delle indagini iniziate tre anni fa, da parte del pubblico ministero Giuliano Mignini è stato notificato a cinquantuno persone, politici, funzionari comunali, tecnici, imprenditori, coinvolti nelle indagini sul post terremoto, che hanno venti giorni di tempo per consegnare allo stesso magistrato memorie difensive, farsi interrogare o quant’altro riterranno utile; dopodiché lo stesso pm potrà decidere se archiviare il procedimento o inoltrare al giudice per le indagini preliminari (gip) la richiesta di rinvio a giudizio.

Gli atti notificati riguardano le indagini scattate nel 2000 in merito alle piazzole realizzate per i campi container, la costruzione dell’edificio per le case popolari nell'area della ex Monina, l'acquisizione di un terreno da parte di un imprenditore nella zona industriale nord, alcuni acquisti di immobili compiuti dall’amministrazione comunale; tutti fatti che salirono anche alla ribalta nazionale e che vedono coinvolti amministratori locali, alcuni tecnici comunali, professionisti, imprenditori, religiosi e semplici cittadini del territorio gualdese.

Questi sono i fatti noti fino ad oggi: certo è che, per la complessità dell'indagine, per il numero delle persone coinvolte, per le procedure non sempre spedite e rapide previste dalla normativa, non si possono ipotizzare rapide conclusioni dell'affaire destinato a chiudersi non prima delle prossime elezioni amministrative, e senza escludere che il tutto finisca in prescrizione: di certo, per ora, oltre alle chiacchiere paesane, alimenterà soltanto un aumento del traffico fra Gualdo Tadino e Perugia.

"È finito un incubo, un atto che aspettavamo da tre anni - ha dichiarato il sindaco Rolando Pinacoli, uno tra coloro che hanno ricevuto la comunicazione del pm - Personalmente sono soddisfatto poiché è stato eliminato nei miei confronti il reato di concussione, reato infame e infamante, la cui sola ipotesi disturba gli amministratori corretti quale ritengo di essere stato. Ora avremo maggiore certezze e la possibilità di difenderci ancora meglio per ipotesi di reato che sinceramente non mi preoccupano. La Magistratura alla fine dimostrerà come nella gestione del terremoto, al di là di qualche inevitabile piccolo errore e smagliatura, l’Amministrazione comunale abbia agito nell’interesse dei cittadini.".

PRIMA PAGINA

Pro TadinoPrima paginaEdizioniSommario

Cerca nel sito