L'ECO del Serrasanta

 

N. 11 - 9 giugno 2002

Pro Tadino Prima pagina Edizioni Sommario

Ambiente

 

La giornata ecologica


La società del benessere, nella quale viviamo, è una straordinaria produttrice di rifiuti che sono diventati un vero problema sia per la loro quantità, difficilmente smaltibile, sia per la loro qualità, spesso nociva.

Un modo per affrontarlo è, prima di tutto, quello di evitare gli sprechi; un altro è quello di organizzare la raccolta differenziata dei rifiuti per facilitarne la riutilizzazione.

In tutti e due i casi ognuno può dare il suo personale e quotidiano apporto, contribuendo così alla salvaguardia dell’ambiente.

In questo contesto la scuola che ha come obiettivo principale non quello di allevare eruditi cultori del sapere, ma quello di far crescere l’uomo e il cittadino, dovrebbe inserirsi con maggior convinzione.

La giornata ecologica, organizzata dal Comune, che ha visto la partecipazione solo di una piccola rappresentanza di studenti, è stata una lezione di civiltà che lascerà sicuramente nella loro coscienza tracce più profonde di quante ne possa lasciare una poesia ottocentesca imparata a memoria o di quante ne possa lasciare uno studio su quali muscoli sono interessati in un esercizio di "flessione" o di" piegamento".

La classe II B della Scuola Media "F. Storelli", sulla giornata ecologica ci ha inviato la seguente cronaca:

"Sabato 18 maggio, a Gualdo Tadino, si è svolta una manifestazione molto importante dal punto di vista sociale: La giornata ecologica.

Una classe dell’Istituto tecnico per Geometri e una della Scuola Media, con la partecipazione dei volontari del CAI e della Protezione Civile, si sono adoperati per la pulizia dei prati di Valsorda, dell’area della Madonnuccia e di quella di san Guido.

L’obiettivo di questa giornata è stato quello di ridare ai Gualdesi e ai turisti un ambiente pulito e un luogo dove trascorrere delle giornate in tranquillità e serenità.

Quando i ragazzi sono giunti a San Guido sono stati accolti dall’assessore Filippetti e dal consiglire Bazzucchi e dai volontari della Protezione civile. Sono stati distribuiti cappelli, magliette e guanti necessari per la raccolta dei rifiuti.

La classe è stata divisa in gruppi ed ognuno ha percorso zone diverse. Hanno raccolto molti rifiuti, la maggior parte dei quali erano bottiglie di vetro e lattine ma anche oggetti come graticole, marmitte di motorini, pneumatici …

Alla fine della giornata sono stati raccolti sei furgoni di spazzatura.

E’ stato molto bello vedere la gente impegnata per la pulizia del proprio paese; questo giorno è servito per far capire a tutti quanto sia importante mantenere un ambiente pulito".

(m.m.)

 

Pro Tadino Prima pagina Edizioni Sommario